Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

26 Settembre 2020

L’Accademia italiana della cucina all’Elba, a Capoliveri riscoperti gli zerri


(Stefano Bramanti) Portoferraio, 29 novembre – “Abbiamo attuato una iniziativa per far capire come la cucina autentica non sia solo quella legata a grandi ristoranti, alle atmosfere chic create da sapienti camerieri e chef o con appuntamenti di cooking show. Esiste ed ha grande dignità e valore, la cucina popolare, quella tradizionale, tipica della nostra isola che noi, come Accademia italiana della cucina, vogliamo riscoprire per valorizzarla. È il caso dello Zerro, pesce povero che abbiamo riscoperto domenica scorsa e consumato a Capoliveri, unitamente a verdure di campo”. A parlare è Rossana Galletti, la delegata dell’associazione nazionale fondata da Orio Vergani negli anni Cinquanta e il sodalizio ha nello statuto proprio la tutela delle tradizioni della cucina italiana. “ Ci siamo ritrovati con i nostri 30 soci e amici invitati al paese collinare, realizzando un menu particolare, grazie ad un evento che abbiamo programmato- prosegue la responsabile isolana del gruppo – a base di Zerri fritti, arrosto o sott’aceto, accompagnati da erbe spontanee che avevamo raccolto sabato nelle nostre campagne. E’ stata una giornata significativa all’insegna dei sapori e dei cibi genuini e dell’amicizia”. Un modo allora di dar spazio a pesci meno considerati dal mercato, ma dai buoni valori nutrizionali e dalle carni discrete, meno costosi come del resto Boghe, Sugarelli e altri. Lo Zerro è una specie diffusa nel Mediterraneo, un piccolo pesce, la cui lunghezza non supera i venti centimetri e che vive in branchi sui fondali ricchi di posidonia. “Oltre al pesce fresco, -conclude Galletti- pescato appositamente nella notte da amici, abbiamo consumato verdure a km 0: alimenti insomma non certo elaborati a livello industriale, capaci di offrire nutrizione di qualità certa. E’ questa la strada da seguire per valorizzare la nostra cucina tradizionale, che anche i ristoranti isolani potrebbero proporre ai loro ospiti”.ù