Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

1 Ottobre 2020

Livorno, centomila euro per eliminare l’eternit dalle strutture pubbliche


Livorno – dicembre. E’ stata definita la campagna per lo “zero eternit”, quella che la giunta cpmunale ha approvato per iniziare a “bonificare”, con tutta una serie d’interventi e la spesa di centomila euro, i manufatti negli immobili di proprietà comunale, dove è presente la fibra di eternit appunto, un misto di cemento e amianto. I lavori riguarderanno il Palazzo Civico, il tetto del corridoio della palestra de “Il Prato”, la ex serra di via Bois, la tettoia del parcheggio di via Venuti, la ex scuola materna Arcobaleno a Montenero, la palazzina “Parterre”, le scuole Rodari e Natali e il laboratorio della scuola Pistelli.
“Si tratta per lo più di vecchie coperture o tubazioni di scarico – spiega l’assessore Aurigi – che verranno rimosse e smaltite come rifiuti speciali, per lasciare il posto a quelle nuove fatte di materiali più salubri e duraturi come l’acciaio zincato. Insomma un altro tassello nel nostro percorso di bonifica del patrimonio immobiliare pubblico, con un’attenzione particolare alle scuole e agli edifici maggiormente frequentati.”
I lavori riguardano i servizi igienici del palazzo del Municipio; il tetto corridoio della palestra “Il Prato” realizzato in lastre di cemento-amianto tipo ”onduline” con rimozione e sostituzione con nuova copertura in lamiera di acciaio zincato, protetta nella faccia superiore da un rivestimento a base bituminosa con funzione anticorrosiva e insonorizzante e da una lamina di alluminio goffrato preverniciato; la rimozione del materiale inquinante e la demolizione della serra all’interno dell’ area posta in via Bois, presso le scuole XI Maggio; la tettoia di un piccolo annesso semi-abbandonato in un’ aera prospiciente al parcheggio di via Venuti; la canna fumaria e le tubazioni sulla copertura della ex scuola materna Arcobaleno di Montenero; la sostituzione con acciaio-inox di altra canna fumaria alla Palazzina del Parterre; nuovi rivestimenti dei parapetti sulle terrazze delle scuole “Rodari” e “Natali” e la copertura e struttura sottostante del laboratorio delle scuole Pistelli, le vecchie tubazioni della caldaia esterna e gli sfiati dei bagni.