Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

30 Settembre 2020

Una speranza sulle crisi della costa


(Massimo Masiero) Livorno, 2 marzo – Si stanno concretizzando gli interventi delle imprese nazionali sull’area industriale livornese, colpita da una crisi decennale e in attesa di nuovi insediamenti, e su quella piombinese, che attende con apprensione che il nuovo amministratore delegato di Cevital presenti il piano Aferpi per la ripresa delle attività,collegate alle acciaierie dismesse ex-Lucchini. Diversa la realtà a Rosignano dove la Solvay mantiene la sua presenza sul territorio rafforzata dai finanziamenti milionari, che permetteranno di creare alla società chimica Siad un nuovo insediamento nel perimetro dell’aziende belga consentendole una maggiore competitività.
E se a Piombino i lavoratori hanno manifestato il loro disappunto chiedendo soluzioni urgenti dopo due anni dalla chiusura delle acciaierie, a Livorno si è assistito negli ultimi tempi ad una impaziente attesa, affinché la Regione Toscana attivasse gli strumenti necessari al concretizzarsi il più velocemente possibile di finanziamenti e progetti per favorire l’arrivo di nuove imprese. E finalmente il granitico complesso burocratico-legislativo si è sgretolato nelle ultime settimane, malgrado lo scetticismo iniziale della giunta comunale pentastellata, che, specialmente con il primo cittadino, ha sempre avuto un atteggiamento critico nei confronti della stessa Regione e del governo sia per quanto riguarda la colata di cemento in porto, che minaccerebbe la città con la realizzazione della piattaforma Europa e il rischio che i grandi lavori consentano l’infiltrazione di malavitosi, ma anche sui ritardi delle iniziative per l’area di crisi complessa. Il sindaco si è impegnato a rifare il look di Livorno nelle zone a traffico limitato aumentando le strisce blu e imponendo ai residenti la tassa annuale sulle auto di loro proprietà per sostare in suolo pubblico, il pagamento del parcheggio a ore stabilite. Ha installato per ottenere maggiore sicurezza nuovi semafori nella zona di scorrimento a doppia corsia sul viale Ippolito Nievo, che hanno provocato il rallentamento del traffico e malumori tra gli automobilisti, mentre si stanno completando le rotatorie sul fronte mare della zona Quattro Mori e scali Novi Lena, già previsti dalla precedente amministrazione, ma che non sembra abbiano suscitato grande entusiasmo. E’ intervenuto per lavori pubblici di utilità immediata in altre zone. Tuttavia, per la prima volta, da parte dell’Amministrazione livornese si accolgono finalmente con ottimismo gli annunci, non più elettorali, della giunta regionale sugli stanziamenti per la ripresa dell’asfittica realtà industriale livornese. Lo stesso assessore alle attività produttive del Comune di Livorno Francesca Baldari ha infatti annunciato l’arrivo dei finanziamenti regionali con uno squillante commento positivo in cui, in perfetta linea con il presidente della Regione, ha affermato testualmente. ““Finalmente una buona notizia per il nostro territorio. Erano mesi che aspettavamo che si concretizzassero le promesse fatte in questi anni. A questo punto diventa fondamentale il ruolo dell’informazione: dobbiamo riuscire a raggiungere le tante imprese del territorio e non, che hanno progetti nel cassetto e che potranno finalmente candidarli sia sui bandi regionali che nazionali. Una boccata d’ossigeno indispensabile che permetterà a Livorno di tornare ad essere davvero attrattiva per le imprese, in particolare quelle fortemente innovative”. E’ un attestato importante perché si prende atto di quanto fatto per la città, malgrado le lunghe procedure burocratiche da superare in quest’Italia in cerca d’evoluzione, ma ancora tanto ministeriale e cavillosa. E’ per questo che ancora in tanti guardano con speranza a quando i pentastellati saranno chiamati ad alte responsabilità e potranno contribuire a risolvere alcuni problemi essenziali per la vita del paese?
masierolivorno@gmail.com