Vai a…

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

mercoledì 20 Novembre 2019

Modigliani è tornato a casa, inaugurata la grande mostra nel centenario della morte


(Donatella Nesti) Livorno, 6 novembre – Finalmente il gran giorno della mostra di Modigliani è arrivato, inaugurazione nella chiesa restaurata del Luogo Pio nel Museo Città di Livorno con fotografi e giornalisti arrivati da ogni parte d’Italia per “Modigliani e l’avventura di Montparnasse, capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre ”.

Una importante retrospettiva a Livorno, città natale dell’artista, nel centesimo anniversario della sua scomparsa. Presenti all’inaugurazione il Sindaco Luca Salvetti commosso per il ritorno di Dedo nella sua città natale definendo l’evento con due parole ’coraggio e riconciliazione’ mentre l’assessore Simone Lenzi definisce “di valore storico l’evento un tributo ad un artista che partendo dalla provincia ha saputo dato vita una straordinaria modernità cosmopolita”.

Felice di aver portato a Livorno la mostra il curatore Marc Restellini “nella sua città Modigliani ha sviluppato la sua capacità creativa e lo spiritualismo ebraico e mi auguro che questa meravigliosa opportunità possa dargli la giusta posizione nella storia dell’arte occidentale”. Molti hanno chiesto del problema dei falsi dipinti attribuiti a Modì ma il curatore sostiene che è un problema penale e non artistico mentre il sindaco Salvetti sostiene che i falsi come la celebre burla delle teste appartiene ormai al passato ed è giusto guardare avanti valorizzando come nella mostra attuale quanto di grande ha fatto Dedo. Sono raccolti nel Museo dipinti e disegni dei due collezionisti più importanti che hanno sostenuto in vita Modigliani: Paul Alexandre e Jonas Netter quest’ultimo ha riunito preziose opere come il ritratto di ‘Fillette en bleu’ scelto come manifesto della mostra, il ritratto di Soutine, ‘Elvire au col blanc’ , il ritratto di Jeanne Hebuterne, la giovane moglie di Modigliani suicidatasi il giorno dopo la morte di Amedeo. Insieme ai dipinti di Modigliani sono esposti un centinaio di altri capolavori tra i quali gli straordinari dipinti di Chaim Soutine, Maurice Utrillo ,Suzanne Valadon, Andrè Derain, Moise Kisling.

Penso che per molti livornesi sarà un’emozione vedere dal vivo i dipinti di Dedo del quale l’amico Paul Alexandre diceva “Era un aristocratico nato. Ne aveva lo stile e i gusti. Era uno dei paradossi della sua vita: lui che amava la ricchezza, il lusso, i bei vestiti, la generosità, viveva in povertà, se non in miseria. Il fatto è che aveva una passione esclusivamente per la sua arte. Il vero volto di Modigliani appare nella sua opera. Chi sa vedere i ritratti di donne, di adolescenti, di amici e tutti gli altri, vi trova l’uomo con la sua squisita sensibilità, la sua tenerezza, la sua fierezza, la sua passione per la verità, la sua purezza”.

L’esposizione Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre (Museo della Città di Livorno dal 7 novembre 2019 al 16 febbraio 2020), è organizzata dal Comune di Livorno insieme all’Istituto Restellini di Parigi con la partecipazione della Fondazione Livorno. E’ curata da Marc Restellini con il coordinamento di Sergio Risaliti ed offre al pubblico l’occasione di ammirare ben 14 dipinti e 12 disegni di Modigliani raramente esposti al pubblico .

Tel. 0586/824551 museodellacittà@comune.livorno.it.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,