Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

lunedì 22 ottobre 2018

Mostra del cinema di Venezia, tantissimi film e pioggia di stelle


(Donatella Nesti) 26 luglio 2018. Presentata a Roma la 75° edizione della prestigiosa Mostra del Cinema di Venezia che sembra crescere ogni anno grazie alla data in cui si svolge (29 agosto 8 settembre) a ridosso della stagione invernale ed al successo delle pellicole presentate negli ultimi anni vincitrici di numerosi Oscar e Golden Globe. Si sa che il mondo dello spettacolo è ‘scaramantico’ ed ecco che presentare in anteprima al Lido di Venezia I film è per produttori e registi garanzia di successo internazionale come per “ LaLa land” e “La forma dell’acqua”. Molto variegata la selezione di quest’anno sia nel Concorso che nel Fuori concorso ed Orizzonti. Uno sguardo multiforme sul presente come dichiara il direttore Alberto Barbera ” Rendere conto degli eventi che si accalcano caotici: un disordine che siamo spesso tentati di ridurre a più miti consigli, affrontandolo con la tranquillizzante locuzione di “periodo di transizione” (come se non stessimo perennemente transitando verso qualcos’altro: altre esperienze, altre immagini, altre visioni). È forse, questa, la miglior descrizione del lavoro che sta alla base di questo festival. Altri possono darsi obbiettivi diversi: definire che cosa è buon cinema e cosa non lo è, ad esempio. E se fosse più importante descriverlo, cercare di comprenderlo, coglierne le feconde contraddizioni e l’irriducibile complessità, anziché stabilire temporanee gerarchie? Procedere per inclusioni anziché per dogmatiche distinzioni, allargare lo sguardo invece che metterlo soltanto e selettivamente a fuoco, spingersi oltre i limiti anziché erigere barriere? Senza rinunciare alla qualità, o meglio senza smettere d’interrogarsi costantemente su che cosa essa sia e dove risieda oggi, in questo presente che ci hanno spiegato non esistere, in un universo che non è più il passato e non è ancora il futuro. Del cinema, s’intende.”
La notizia importante, prima ancora dei film in concorso e dell’elenco dei numerosi attori che ci saranno, è la riapertura del celebre Hotel des Bains, (nella foto) quello dove Luchino Visconti ambientò “Morte a Venezia”, tratto dall’omonimo romanzo di Thomas Mann, “un luogo chiuso per troppo tempo che meritava di tornare a rivivere nei suoi 1800 metri quadri tra boiserie e nei liberty”, precisa Barbera, che ospiterà anche una mostra (e un libro) sulla storia della Mostra. Ventuno i film in concorso con alcuni dei nomi più prestigiosi oggi in attività, a cominciare dai fratelli Coen per proseguire con Mike Leigh, Assayas, Audiard, Cuarón, Schnabel (e tre italiani di serie A: Luca Guadagnino, Mario Martone e Roberto Minervini). E la storia del primo uomo a mettere piede sulla Luna, Neil Armostrong nel “First men” di Damien Chazelle (regista di La La Land) (nella foto il protagonista Ryan Gosling) il film d’apertura e c’è anche l’atteso “A star is born” di Bradley Cooper con Lady Gaga. Vedremo la triste vicenda di Stefano Cucchi raccontata da Alessio Cremonini in “Sulla mia pelle”, il nuovo Suspiria di Luca Guadagnino e “Capri-Revolution” di Mario Martone. La Mostra del Cinema di Venezia arriva all’edizione numero 75 mantenendosi fedele al suo consolidato brand che riesce a dare la migliore “istantanea del presente” bilanciando registi affermati, opere prime, opere seconde, nuove cinematografie emergenti, film restaurati e rassegne di genere. David Cronenberg e Vanessa Redgrave riceveranno il Leone d’oro alla carriera L’attore Michele Riondino condurrà le serate di apertura e di chiusura. La Giuria internazionale del Concorso di Venezia 75 ha come presidente il regista, sceneggiatore e produttore messicano Guillermo del Toro due volte premio Oscar (miglior regia e miglior film) per La forma dell’acqua (2017). Autore di film quali Hellboy, Il labirinto del fauno, Hellboy II: The Golden Army, Pacific Rim e Crimson Peak, del Toro ha presentato in anteprima mondiale l’anno scorso a Venezia La forma dell’acqua, vincendo il Leone d’oro per il miglior film. Straordinario successo di critica e pubblico, La forma dell’acqua si è aggiudicato quattro premi Oscar oltre a molti altri riconoscimenti internazionali- donatellanesti@libero.it

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,