Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

22 Ottobre 2020

Nuovo pulmino per l’Ordine di Malta


(Gianni Giovangiacomo) Livorno, 28 gennaio. Nel corso di una conferenza stampa indetta dalla Fondazione CISOM (Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta), il responsabile del Gruppo di Livorno, Antonio Iardella, ha reso noto l’acquisto di un nuovo pulmino, attrezzato di pedana elevatrice, dotato di pavimento antiscivolo con guide per il blocco delle carrozzine e con sedili secondo le norme CEE. L’acquisto è stato possibile grazie all’apporto degli stessi volontari del CISOM e con l’importante contributo della Fondazione Livorno. Il direttore della Fondazione Livorno, Riccardo Vitti, ha detto che quella era una giornata di festa, un avvenimento lieto, perché “è stupefacente quello che il volontariato riesce a compiere con pochi mezzi, e su questo bisogna riflettere”. Nel nostro paese si discute spesso su cose molto futili mentre qui oggi vediamo delle persone che si impegnano quotidianamente e rappresentano una reale voce di speranza, sono felicissimo -ha concluso- di rappresentare la Fondazione per questo felice avvenimento. Ha preso quindi la parola Giovanni Busiello, responsabile dell’Area Sociale del CISOM, che ha evidenziato come l’ente abbia assunto attività di protezione civile, assistenza sanitaria e di protezione sociale. Sono molte -ha aggiunto- le richieste che riceviamo da famiglie sulla soglia della povertà, per questo abbiamo aperto un punto di ascolto per la prima accoglienza per capire le necessità delle persone in difficoltà. Distribuiamo pacchi alimentari che ci provengono da raccolte alimentari dai supermercati e dal Banco Alimentare Onlus, nel 2017 abbiamo raccolto 10 mila kg di alimenti per poi redistribuirli alle famiglie povere, alle Case famiglia, e fornendo pasti caldi ai senza fissa dimora e a coloro che vivono al freddo. Per le tante persone bisognose di aiuto abbiamo messo a disposizione un ambulatorio medico totalmente gratuito, così come sono gratuite le analisi principali. Grazie alla Fondazione Livorno abbiamo potuto realizzare “un sogno” , quello di veder aumentato il nostro parco macchine con una nuova ambulanza. Sara Magherini, responsabile della Formazione, ha illustrato il prossimo Corso OSAP (Operatore Servizio Alla Persona), indirizzato all’aiuto delle persone fragili. Si tratta di un Corso, aperto a tutti i cittadini, completamente gratuito, della durata di 12 ore in quattro giornate di impegno. 5 ore saranno dedicate all’utilizzo del defibrillatore semiautomatico (sabato 17 febbraio); 4 ore saranno dedicate all’avvicinamento psicologico alle persone fragili (lunedì 19 e mercoledì 21 febbraio); in fine 3 ore di attività pratiche come il superamento delle barriere architettoniche (sabato 24 febbraio). Seguirà un esame finale e un periodo di tirocinio pratico in affiancamento di un mese. A coloro che supereranno la prova finale verrà rilasciato un attestato di partecipazione al Corso e un attestato per l’utilizzo del defibrillatore rilasciato dalla Regione Toscana. Fabrizio Lomi ha poi diffusamente parlato del come il CISOM intende migliorare la qualità della vita delle persone anziane fragili e dei loro famigliari. Alcuni volontari si dedicheranno al trasporto delle persone con difficoltà per poter usufruire delle visite mediche, mentre altri volontari avranno il compito di facilitare la mobilità delle persone per sbrigare le pratiche quotidiane per poter accedere ai servizi del territorio, ma eventualmente anche per fare passeggiate o andare al cinema. Ci sarà anche un tutor che avrà un contatto settimanale con queste persone per monitorare le loro reali esigenze. Per assicurare i medicinali a chi ne ha bisogno è stata stipulata una convenzione con la Farmacia Farneti mentre per altri richiedenti i volontari possono fare la spesa e portarla a casa. A conclusione dell’incontro il dottor Riccardo Vitti ha ricordato che la Fondazione Livorno in seguito all’alluvione ha stornato dal proprio bilancio 650 mila euro che il 10 gennaio ha versato alle associazioni richiedenti e che in qualsiasi caso la Fondazione rimane un “punto di riferimento per ogni necessità”.