Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

martedì 26 marzo 2019

Oltre duemila in piazza a sostegno degli studenti del liceo Enriques


Livorno, 10 gennaio 2019 – Continua lo sciopero degli studenti del liceo scientifico Enriques, che per il quarto giorno sono scesi in piazza per protestare contro i turni pomeridiani decisi dall’istituto per sopperire ai ritardi sulla consegna di una succursale da parte della Provincia di Livorno. L’idoneità della succursale di via Calafati mancherebbe di alcune certificazioni, che sono scadute a fine anno.

Questa mattina, giovedì 10 gennaio, al fianco di studenti e studentesse dell’Enriques sono scesi in strada anche i ragazzi e le ragazze di tutti gli istituti superiori della città.

Un lungo corteo con oltre duemila giovani è partito da piazza Cavour, cuore della città, per sfilare in via Grande, girare davanti al porto Mediceo all’altezza dei Quattro mori, proseguire sul lungomare fino alla fortezza Vecchia e puntare poi diritto fino alla sede della Provincia.

Ad aprire il corteo c’era uno striscione con scritto “Mancano le strutture, i tetti vengono giù. Delle vostre promesse non ne possiamo più. E dietro ad esso, tantissimi ragazzi e ragazze con cartelli e bandiere, sciarpe colorate e qualche fumogeno, che hanno intonato slogan contro la Provincia per tutta la manifestazione ed hanno chiesto a gran voce maggiore sicurezza nelle scuole.

Una volta giunti sotto Palazzo Granducale, sede dell’Amministrazione provinciale, i rappresentanti degli studenti hanno preso la parola e hanno chiesto una soluzione a breve termine, in modo da avere un luogo in cui poter studiare “tranquilli e sicuri”.

La manifestazione si è svolta senza incidenti, anche se la protesta ha creato notevoli disagi al traffico cittadino. Lunghe file di auto incolonnate e percorsi dei bus deviati per continuare a svolgere il servizio pubblico. Studenti e studentesse dell’Enriques hanno annunciato che domani, venerdì 11 gennaio, proseguiranno nel loro sciopero per chiedere una succursale a norma.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,