Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

26 Novembre 2020

Ospedale di Livorno: accordo tra Regione e Comune


Livorno, 30 marzo. Finalmente si sblocca la “pratica” Ospedale di Livorno, dopo anni di attesa e polemiche. Un accordo è stato raggiunto tra Regione e Comune nella riunione di ieri del Collegio di vigilanza sull’ospedale. Erano presenti l’assessore Stefania Saccardi, che presiedeva la seduta, il sindaco di Livorno Filippo Nogarin, il direttore generale della giunta regionale Antonio Barretta, il direttore regionale della direzione Diritti di cittadinanza e coesione sociale Monica Calamai, il direttore generale dell’Asl Toscana nord ovest Teresa De Lauretis e il segretario generale del comune di Livorno Giuseppe Ascione.
Nel summit è stato verificato, come informa in tono diplomatico una nota della Regione, che la completa ristrutturazione del vecchio ospedale, proposta a suo tempo dal Comune di Livorno, si è dimostrata non percorribile. Il Comitato tecnico che ha lavorato in questi mesi ha accertato che questa sarebbe stata una soluzione troppo lunga, costosa e complicata, anche perché non compatibile con il proseguimento dell’attività sanitaria durante i lavori. Anche il Comune di Livorno ha convenuto su questo. Nello stesso tempo la Regione ha preso atto della volontà del Comune di non dare corso al precedente accordo di programma che prevedeva la costruzione di un nuovo ospedale nella zona di Montenero.
Da qui “si è giunti nell’idea di risolvere “consensualmente” l’accordo di programma, dopodiché l’assessore Saccardi ha illustrato l’ipotesi, messa a punto dall’apposito gruppo di lavoro, di costruire un nuovo blocco ospedaliero nell’area adiacente all’attuale ospedale, nella zona ex Pirelli e parco Pertini, con un parziale riutilizzo, sin dove sarà possibile, di alcune strutture e padiglioni dell’attuale ospedale.
Il sindaco Nogarin ha accettato di partecipare al gruppo di lavoro che esaminerà l’ipotesi proposta dall’assessore Saccardi, dopo aver fatto presenti problemi di vincolo architettonico e di bonifiche da effettuare nell’area. Il gruppo di lavoro tecnico già costituito approfondirà la percorribilità della soluzione.