Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

1 Ottobre 2020

Piero Ciampi quarant’anni dopo, per ricordare l’artista un Premio speciale senza gara


(Simone Consigli) Livorno, 10 gennaio 2019 – “Piero Ciampi ieri, oggi, domani”. L’edizione di quest’anno della manifestazione dedicata al cantautore livornese sarà speciale e senza concorso. Domenica 19 gennaio si ricorda infatti il quarantennale della morte dell’artista.

Le commemorazioni prevedono due fuori sede, uno a Genova, con un dibattito sui legami tra Genova e Piero Ciampi realizzato in collaborazione con la Casa dei Cantautori Genovesi e l’altro a Pisa alla Galleria Gennai, dove verrà esposta la mostra collettiva dei migliori fumettisti italiani che hanno ritratto Piero Ciampi e la sua vita d’artista. Clou con il concerto finale di Cristiano De Andrè al Teatro Goldoni, in ricordo dello storico concerto al Premio Ciampi del padre Fabrizio, che per l’occasione disse parlando di Piero Ciampi: “Hanno sempre detto che morto un poeta se ne fa un altro, stavolta non è vero”.

“Vogliamo riprendere e ricordare questo tipo di tradizione”, dichiara Antonio Vivaldi, presidente di giuria del Premio. “Piero Ciampi è morto nel 1980, e non ne erano neanche passati 15 che nessuno se ne ricordava. Come era possibile? Oggi, alla fine di tutti questi anni di lavoro, abbiamo invece e per fortuna molti artisti che lo studiano e lo ascoltano, anche tra i giovani talenti rock non mancano gli estimatori del grande Piero”. Bannati o bloccati si direbbe oggi, abbandonati e fuggiti. Sembrano legati i grandi artisti internazionali livornesi che non stati profeti in patria. Ciampi si lega profondamente in questo strano destino ad Amedeo Modigliani, per la storia artistica, il viaggio “esilio” a Parigi e le case di famiglia in via Roma.

La rinascita culturale della città, come dichiarato dall’amministrazione comunale, grazie alla grande mostra di Modigliani, può e deve diventare la nuova immagine e il nuovo marchio di Livorno.

La riscoperta di Piero Ciampi, gli studi musicali e letterari fatti su di lui, giungono in questo momento a farci porre l’artista livornese nell’olimpo dei cantautori italiani, al fianco ad esempio di Fabrizio De Andrè.

“A quarant’anni dalla morte vogliamo ricordare Piero Ciampi in maniera del tutto speciale e quindi questo sarà un Premio speciale” conclude così Vivaldi.

Il Premio Ciampi con concorso tornerà dalla prossima edizione.

Questo è il programma completo.

Giovedi 16 gennaio a Genova ore 17 e 30 via del Campo 29 rosso “Piero Ciampi a Genova, un’affinità inevitabile con Gianfranco Reverberi, Antonio Vivaldi, Flavia Ferretti e Laura Monfredini.

Venerdì 17 gennaio Livorno via Poggiali 10 Studio Architettura 70m2 “e bastava un’inutile carezza a capovolgere il mondo”, progetto letterario di Arianna Scommegna e Massimo Luconi, Giulia Bertasi alla fisarmonica e la mostra di Manuela Sagona dell’atelier Blu Cammello intitolata “Tinta unita”- “Tutto verde”. Alle 21 e 30 presso Mercemarcia in via Oberdan mostra fotografica di Nicola Sefanini e concerto di Nico Sambo e Antonio Bardi.

Sabato 18 gennaio a Livorno, villa Mimbelli Sala degli Specchi ore 18 ventesima edizione Premio Ciampi Laltrarte, ore 21 a Pisa, Studio Gennai “Piero Ciampi a Fumetti” e concerto tributo di Francesco Bottai.

Domenica 19 gennaio a Livorno, 10 e 30 omaggio alla tomba di Piero Ciampi al cimitero I Lupi, ore 11 e 30 via Roma iniziativa presso la casa natale di Piero Ciampi e Amedeo Modigliani, ore 16 e 30 premiazione edizione scorsa e spazio alla presentazione di circa una decina di libri dedicati a Piero Ciampi, al Teatro Goldoni. Ore 20 e 45 sempre al Teatro Goldoni concerto finale con Cristiano De Andrè (Premio Speciale), Orchestra multietnica di Arezzo con Andrea Scanzi e Piero Benvegnù, La Crus, Omar Pedini, Andrea Pellegrini Trio con Tommaso Novi e Francesco “Maestro” Pellegrini, Letti Sfatti ed Aldo Galeazzi.