Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

29 Novembre 2020

Pinotti agli allievi dell’Accademia Navale: “Siate curiosi e con lo spirito critico”.


(Massimo Masiero) Livorno – dicembre. “Siate curiosi e abbiate spirito critico”. E’ il messaggio che il ministro della difesa Renata Pinotti, soprabito color cammello su pantaloni scuri, ha rivolto ai 143 allievi, che hanno giurato fedeltà alla Patria e alla Repubblica italiana, questa mattina in Accademia Navale. La cerimonia si è svolta sul piazzale del Brigantino, alla presenza del capo di stato maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, di quello della marina Militare Valter Girardelli, del comandante l’Accademia Navale, il livornese Pierpaolo Ribuffo, delle autorità, tra cui il sindaco della città Filippo Nogarin, di familiari e invitati. La sciabola d’onore, al cadetto che maggiormente si è distinto nei corsi, è stata consegnata per la prima volta dal 1992 al guardiamarina Marzio Pratellesi, 22 anni, fiorentino, allievo della quarte classe. Altri cadetti hanno ricevuto i premi offerti dalle marine estere. Durante la cerimonia e la sfilata degli allievi, che si accingono a intraprendere, al termine degli studi, la carriera militare in marina, sono state sciolte e dispiegate al vento dai marinai sul pennone le vele dello storico brigantino a terra, dove si effettuano le esercitazioni.
A margine della cerimonia il ministro della difesa ha confermato lo stanziamento del governo con l’approvazione del Parlamento, di 5 miliardi e 600 milioni d’investimenti in 20 anni per il rinnovamento della flotta della Marina Militare. Esso comprende anche la demolizione di 38 navi obsolete, che dopo la firma del protocollo, sono state assegnate a Piombino, dove in porto si stanno concludendo i lavori di adeguamento per iniziare lo smantellamento, che occuperà inizialmente duecento lavoratori. Notizia che ha avuto immediati riflessi positivi in sede locale. La presenza prevista del presidente del consiglio, Matteo Renzi, era stata annullata nella serata di ieri, venerdì, da Palazzo Chigi per altri impegni del premier, che era stato già a Livorno la settimana scorsa, dove aveva parlato al centro “Le Corallaie”, in occasione del referendum costituzionale.
Il ministro Pinotti ricordato inoltre che è già operativa la legge navale ed è iniziato il “primo atto” per la costruzione di un pattugliatore d’altura. Rapidità quindi tra stanziamento di fondi e realizzazioni, necessità imposta dall’attuale realtà operativa in vari scacchieri e nel Mediterraneo, dove occorre impiegare una produzione di navi d’eccellenza, che è infatti affidata alla Fincantieri. E così sarà anche per le altre forze armate,impegnate in varie missioni, e che devono rispondere alle minacce con mezzi moderni e adeguati per la difesa dei cittadini. Rispondendo ad una domanda relativa alla guardia costiera libica addestrata da personale italiano, ha risposto esprimendo soddisfazione poiché, dopo i primi contingenti, gli addestramenti stanno proseguendo e si registra la positiva volontà d’imparare con spirito eccellente dei militari libici. Il capo di stato maggiore della Marina, ammiraglio Valter Girardelli, rivolto agli allievi, ha ricordato che questo sarà il secolo del mare e sul mare si dovrà essere presenti per garantire sicurezza,legalità e prospettiva futura.
Il capo di stato maggiore della difesa, generale Claudio Graziano, ha ricordato, dicendosi orgoglioso del loro operato, che le forse armate italiane sono tra le migliori. Di fronte alle sfide impegnative e nuove del terrorismo, dell’immigrazione incontrollata e della protezione dei flussi, sono tra le più efficienti e si sono meritate il prestigio all’estero.