Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

giovedì 17 gennaio 2019

Prossima al debutto “Si” operetta brillante di Mascagni


(Angela Simini) Livorno, 19 novembre 2018. “La si chiama operetta, ma la “Sì” ha la complessità di un’opera” così si sono espressi il direttore Valerio Galli e la regista Vivien Hewitt nella presentazione del cast della brillante operetta di Pietro Mascagni che va a debuttare al Teatro Goldoni di Livorno venerdì 23 novembre,alle ore 20.30, con replica domenica 25 novembre ore 16.30 come Nuova produzione della Fondazione Goldoni, dopo la bella edizione del 1996 che vide come regista una entusiasta Simona Marchini.
E di nuovo grande entusiasmo si è riscontrato nel cast formato prevalentemente da giovani artisti formatisi all’interno del Progetto “Mascagni Opera Studio”, molti dei quali hanno già spiccato il volo. Ha proficuamente sostenuto la conduzione di Opera Studio il Rotary Club Livorno nel suo costante impegno a vantaggio dei giovani e della cultura. Con i cantanti figura sul palco un agguerrito e solido tenore, noto alle platee internazionali, Fabio Armiliato, M° della Master Class preparatoria all’opera, e un soprano livornese di grande qualità vocale e culturale Alessandra Rossi che conosciamo e apprezziamo dai primissimi esordi e che ha cantato anche nella edizione del 1996. E’ sempre stata un’ottima scelta, proprio sotto il profilo didattico, quella di accostare le artisti già affermati e già esperti a giovani artisti esordienti con i quali imparino a misurarsi. “ Bravi i cantanti che hanno frequentato il corso di formazione, tanto che per la giuria è stato difficile e doloroso fare una scelta per individuare i più bravi e inserirli nel cast. Avrebbero meritato tutti di salire sul palco”, valutazione espressa da Armiliato e caldamente sostenuta dal direttore d’Orchestra Valerio Galli, da Alberto Paloscia, direttore artistico del teatro, dal soprano Alessandra Trusendi e dalla regista Vivien Hewitt, che vanta quaranta anni di regie di opere liriche. Il corso preparatorio allo spettacolo ha impegnato fin dall’ultima decade di ottobre ben 21 cantanti, provenienti, oltre che dalle più diverse regioni del nostro Paese, da nazioni quali Albania, Repubblica Ceca e Kossovo; da questo gruppo è scaturito il duplice cast vocale della produzione, che vedrà oltre ai già citati Armiliato, al suo debutto nel ruolo di Luciano, e del soprano Alessandra Rossi, già impegnata nell’edizione del ’96 e oggi protagonista della prima recita, come specialista del ruolo della soubrette delle Folies Bergères – da lei affrontata in una successiva edizione a Bastia in Corsica – nonché come una delle docenti riferimento nel corso. Gli altri interpreti in scena al Goldoni saranno Blerta Zhegu (Sì nella recita del 25 novembre), Stefano Tanzillo (Luciano ancora il 25), Anastasia Bartoli / Dioklea Hoxha (in alternanza nelle vesti dell’antagonista Vera), Matteo Loi (Cleo de Merode), Alessandro Biagiotti / Veio Torcigliani (Romal). Il cast si presenta quindi come una felice fusione tra giovani cantanti in ascesa e artisti più esperti, che verranno plasmati dalla direzione di Valerio Galli (alla guida dell’Orchestra della Toscana) e dalla regia di Vivien Hewitt – coadiuvata per l’occasione dal giovane scenografo viareggino Giacomo Callari. La Hweitt, regista di grande personalità e cultura, si è così espressa: “ Ho realizzato una Sì novecentesca e ‘futurista’, ammiccante al disincantato mondo statunitense di Marilyn Monroe, Fred Astaire e Ginger Rogers, idea che mi sono fatta ascoltando e riascoltando la raffinata partitura di Mascagni nella quale figurano quelle anticipazioni del musical e della commedia musicale americana che fanno del compositore un artista moderno, che sa guardare il suo mondo con occhio disincantato”.
Nell’allestimento dell’opera si è guardato alle forze del territorio, come la Fondazione Goldoni ha sempre fatto, risulta perciò interessante notare che M° del Coro Sì è il livornese Luca Stornello, che ha già dato tante prove della sua competenza.
La prestigiosa presenza dell’Orchestra della Toscana nella buca del Teatro completa un cast di tutto rispetto. (Nella foto. il cast dell0peretta, Foto leggera) asimini@alice.it

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,