Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

28 Novembre 2022

Rapinano un tabaccaio e poi lo picchiano, in manette un uomo e una donna rumeni


(Anna Viola) Livorno, 3 marzo 2020 – E’ finito con due giovani in manette il tentativo di rapina messo in atto nelle prime ore di oggi, martedì 3 marzo, da un uomo e una donna, rispettivamente di 32 e 25 anni, nati in Romania ma residenti in Italia, a Livorno, ormai da tempo.

La Polizia di Stato è intervenuta in piazza della Repubblica con alcune volanti della Questura di Livorno dopo che il titolare di un esercizio commerciale aveva chiamato il 113 dicendo che aveva appena subito una rapina da parte di più persone. L’intervento delle pattuglie è stato tempestivo. All’arrivo della Polizia, infatti, stavano ancora dandosi alla fuga con la refurtiva appena asportata. Sono stati inseguiti dai poliziotti e da una guardia giurata che stava facendo servizio di vigilanza in quella zona. Sono stati bloccati mentre stavano cercando rifugio in una vicina abitazione.

Le perquisizioni effettuate hanno permesso di recuperare tutta la merce poco prima rubata, ossia diciotto pacchetti di sigarette, un pacchetto di chewing gum e denaro contante per un ammontare di circa 90 euro, che è stata riconsegnata al legittimo proprietario.

I due ladri, identificati per V.R. e C.C.I., sono entrambi rumeni, rispettivamente di 25 e 32 anni, entrambi pluripregiudicati, residenti nella zona di piazza Garibaldi.

I due giovani, dopo essere entrati in una tabaccheria, hanno inizialmente tenuto un tono scherzoso con il titolare. Poi la donna ha cercato addirittura di sedurlo fino ad arrivare dietro al bancone dove si è appropriata dei pacchetti di sigarette e del denaro. L’uomo stava controllando che la rapina stesse andando a buon fine.

Il tabaccaio ha fermato la donna cercando di recuperare quanto questa aveva appena prelevato. Ma la giovane rumena, come reazione, ha spaccato il registratore di cassa, alcuni bicchieri e zuccheriere. L’esercente ha fatto così scattare l’allarme antirapina e sul posto è arrivata subito una guardia giurata. Il titolare del negozio, però, ha avvertito anche il 113 facendo così intervenire la Polizia di Stato.

Nel parapiglia che si è creato, l’uomo ha cercato di trattenere la giovane straniera affinché non si portasse via le cose sottratte, ma il complice, per liberare la compagna ed assicurarsi il possesso di quanto rubato, gli ha sferrato un violento pugno al volto, procurandogli lesioni personali guaribili in otto giorni, secondo quanto stabilito dal pronto soccorso dell’ospedale di Livorno.

I due ladri si sono dati a una precipitosa fuga proprio mentre stavano arrivando le volanti della Polizia. Per gli agenti, che sono intervenuti con immediatezza, non è stato difficile aver ragione dei due malviventi, che sono stati tratti in arresto con l’accusa di rapina impropria, anche se a carico dell’uomo vi sono anche le lesioni personali e della donna il danneggiamento di proprietà altrui.