Vai a…

COSTA OVEST E' UN PROGETTO SOCIALE
IL NOSTRO SCOPO E' FARE UN'INFORMAZIONE LIBERA ED EQUILIBRATA
NON PERCEPIAMO CONTRIBUTI PUBBLICI
OGNI ATTIVITA' A FAVORE DI COSTA OVEST E' DA INTENDERSI VOLONTARISTICA E GRATUITA

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

martedì 18 settembre 2018

Robotica e industria 4.0, libro di Maria Chiara Carrozza e premiazione degli studenti Itis Galilei e Liceo Cecioni


(Massimo Masiero) Livorno, 12 marzo. “L’industria 4.0 è considerata la quarta rivoluzione industriale, ma essenzialmente sarà sempre più una rivoluzione culturale, da affrontare con un profondo cambio di mentalità nelle aziende e nella scuola, ormai sempre più coinvolte nella nuova era robotica, con la quale dovremo misurarci senza pregiudizi e mettendo da parte antiche e attuali paure”. Lo ha spiegato, questo pomeriggio, nella sede della Confindustria di Livorno Massa Carrara, di via Roma, Maria Chiara Carrozza, docente di Bioingegneria Industriale presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, ricercatrice e in passato ministro dell’istruzione, alla presentazione del suo libro “I Robot e noi”. Nello stesso incontro sono stati premiati da Lorenzo Santalena, vice-presidente dei giovani imprenditori di Livorno-Massa Carrara, gli studenti dell’istituto tecnico Galilei e del liceo scientifico Cecioni (nella foto) finalisti del progetto Zero Robotic, competizione di programmazione robotica tra oltre duecento scuole superiori di tutto il mondo.
Capire l’evoluzione è fondamentale per affrontare la sfida culturale e politica della quarta rivoluzione industriale – ha aggiunto Maria Chiara Carrozza – Essere progressisti, nel bel mezzo di questo processo di innovazione tecnologica, vuol dire acquisire consapevolezza attraverso lo studio, la diffusione della cultura, la discussione in modo aperto di queste tematiche”.
“L’incertezza sul futuro e in particolare sulla possibilità che l’industria 4.0 faccia perdere posti di lavoro è una concezione da correggere, invece sarà decisiva e strategica la formazione, poichè l’industria avrà necessità di tecnici altamente qualificati, e contemporaneamente occorrerà curare l’aggiornamento professionale delle persone già occupate, che avranno un ruolo decisivo nel favorire la transizione verso i nuovi paradigmi produttivi”, ha sottolineato Stefano Santalena, Managing Director della multinazionale Hallite Italia Srl, vicepresidente di Confindustria Livorno Massa Carrara e componente del Consiglio di Amministrazione del Digital Innovation Hub Toscano, di cui Confindustria Livorno Massa Carrara è socio fondatore, insieme a Confindustria Toscana, a Ance Toscana e alle altre cinque associazioni territoriali regionali (nella foto).
Il direttore generale degli Industriali, Umberto Paoletti ha ricordato che l’ Associazione, per affiancare le Aziende associate in questa trasformazione digitale, mette a disposizione un serie di strumenti di supporto in ottica 4.0. E’ stato infatti attivato l’indirizzo industria4.0@confindustrialivornomassacarrara.it, attraverso il quale le Aziende potranno canalizzare tutte le richieste di approfondimento sul tema dell’innovazione. Un pool di esperti sarà disponibile per incontri personalizzati gratuiti per svolgere attività di orientamento e analisi di necessità all’interno delle Aziende.
Con il portale di Confindustria di Livorno Massa Carrara, le Aziende associate potranno inoltre collegarsi al sito dedicato preparatialfuturo.confindustria.it, che raccoglie informazioni su finanziamenti, corsi di formazione specifici e procedure agevolative.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,