Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

16 Gennaio 2021

Rossi e Salvetti inaugurano la nuova piazza delle Carrozze a Montenero


(Mirko Branca) Livorno, 22 luglio 2019 – “Abbiamo concluso od appaltato tutte le 294 opere previste dopo l’alluvione del settembre 2017. Sono sicuro che è un record e che nessuno in Italia è riuscito a fare altrettanto, così presto e bene, in situazioni analoghe, come abbiamo fatto noi a Livorno”.
Con queste parole il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha chiosato il suo intervento durante la conferenza stampa, cui ha partecipato anche il nuovo sindaco di Livorno, Luca Salvetti, con cui ha tracciato il primo organico bilancio del lavoro svolto in qualità di commissario per la riricostruzione post alluvione. Rossi, dopo un anno e mezzo dalla nomina, ha concluso il suo incarico di commissario ma è in regime di prosecuzione per terminare le opere avviate.
“Abbiamo impegnato complessivamente 75 milioni di euro di cui 60 della Regione”, ha affermato Rossi. Che ha precisato: “Per gli interventi di somma urgenza sono stati stanziati 7 milioni e mezzo, ben 30 per gli interventi urgenti condotti con procedure accelerate e 38 milioni per le opere di riduzione del rischio. In più, durante quest’anno, abbiamo deciso di destinare 11 dei 20 milioni ricevuti dallo Stato a Livorno. Per la rapidità e l’efficienza dimostrate ringrazio il Genio civile di Livorno, il Consorzio idraulico, i tecnici del Comune di Livorno con i quali abbiamo sempre collaborato e il consigliere regionale Gazzetti che ha svolto il ruolo di sentinella della Regione sul posto”.
Alla conferenza stampa era presente anche il responsabile del Genio civile livornese, Francesco Pistone, che ha accompagnato Rossi e Salvetti, tra l’altro, in piazza delle Carrozze a Livorno, dove è stata inagurata la nuova piazza.
“Oltre cento milioni di euro, esattamente 104, per ridisegnare la realtà livornese dal punto di vista idrogeologico”, ha da parte sua detto Salvetti durante l’incontro al Genio civile. “In questo modo è garantita una maggiore sicurezza, che è l’aspetto fondamentale. Inoltre è necessario ridisegnare alcune zone della città. A questo proposito sono già stati stanziati ed utilizzati per opere di messa in sicurezza del territorio 75 milioni di euro, di cui 60 erogati dalla Regione e 15 dallo Stato. Restano ancora ulteriori investimenti che la Regione ha già in parte finanziato. Ancora da finanziare, invece, sono 11 milioni per il 2020 per la messa in sicurezza del rio Maggiore e 5 milioni per il rio Ardenza per il 2021. Il presidente Rossi si è impegnato a recuperare capitali nella stesura del prossimo bilancio triennale”.
Rossi, proveniente da Rosignano, dove era stato ad inaugurare la cassa di esoansione del Tripesce, in località Impalancati, tra Vada e Marina di Cecina, ha raggiunto piazza delle Carrozze, a Montenero, dove con Salvetti ha tagliato il nastro al nuovo assetto della piazza, dopo che l’alluvione del 10 settembre di due anni fa l’aveva devastata. Il costo complessivo del rifacimento della piazza è stato di circa 3 milioni di euro.
Con Rossi e Salvetti, tra gli altri, c’erano il vescovo Simone Giusti, il prefetto Gianfanco Tomao, il consigliere regionale Francesco Gazzetti, l’assessore regionale al Lavoro Cristina Grieco e il presidente del Consiglio comunale livornese Pietro Caruso.
“Dopo due anni di disagi e varie interruzioni dei lavori, finalmente, uno dei luoghi simbolo di Livorno torna ad essere fruibile”, ha detto Salvetti. “Questi lavori sono solo l’inizio perchè la collina di Montenero è fragile e da questi lavori dobbiamo partire con una serie di interventi e con una rinnovata attenzione riguardo a tutta la zona intorno”.
Rossi, a Montenero, ha invece sottolineato che “le opere di arredo urbano realizzate nella piazza, adesso, danno una funzione di corretta regimazione delle acque meteoriche superficiali, in modo che non possano creare danni alle abitazioni e agli esercizi commerciali”.
“Invito la popolazione a fare uno sforzo comune e collettivo ed a fare ognuno la propria parte, anche come cittadini, a supporto delle istituzioni”, ha detto da parte sua il vescovo Giusti. E parole di incoraggiamento sono arrivate anche dal prefetto Tomao.
Dopo l’inaugurazione della nuova piazza della Carrozza, sindaco e presidente della Regione si sono spostati a Grotta delle Fate, quindi sul torrente Forcone, per fare il punto della situazione dei lavori della bretella alternativa alla viabilità. I lavori procedono a ritmo serrato e si dovrebbero concludere in pochi mesi.
Infine, la conferenza stampa. Al Genio civile, come detto, Rossi e Salvetti, supportati da Pistone, hanno incontrato i giornalisti.
“Allo scopo di dare maggiore sicurezza idrogeologica”, ha detto ancora Rossi, “negli ultimi dieci anni la Regione ha investito più di 100 milioni all’anno per realizzare opere, argini, risagomature e pulizia dei fiumi, rendendo più sicure numerose zone della Toscana”. E ha fatto una promessa: “Metteremo in programma altri investimenti a Livorno per il 2020 e per il 2021”.