Vai a…

Costa Ovest su Google+Costa Ovest su YouTubeCosta Ovest su LinkedInCosta Ovest su TumblrRSS Feed

lunedì 14 Ottobre 2019

Ruba la borsa a una donna in stazione, arrestato tunisino senza permesso di soggiorno


Livorno, 7 agosto 2019 – Un extracomunitario irregolare proveniente dalla Tunisia è stato arrestato nella tarda mattinata di domenica scorsa, 4 agosto, dagli agenti della Polizia ferroviaria di Livorno, dopo che si era appropriato della borsetta di una donna in negozio all’interno della stazione di Livorno. La notizia è stata resa nota soltanto oggi, mercoledì 7 agosto, dalla Questura livornese.

Il fatto è questo. Domenica mattina gli agenti della Polizia in servizio alla stazione ferroviaria di piazza Dante sono stati avvicinati da una donna che riferiva di essere stata poco prima derubata della borsetta mentre era intenta a giocare ad una slot machine in un esercizio commerciale all’interno della stazione.

Gli agenti, tramite la visione delle telecamere di videosorveglianza, hanno visto che l’autore del furto era un cittadino tunisino, irregolarmente soggiornante in Italia, già conosciuto alle forze dell’ordine, nei confronti del quale il Tribunale di Livorno, tra l’altro, nei giorni scorsi aveva emesso un provvedimento di custodia cautelare in carcere per una sequela di furti, di cui tre commessi a bordo di treni regionali nella tratta tra Livorno e Firenze, in virtù dei quali gli investigatori della Polizia ferroviaria erano risaliti alla sua identità.

Dopo aver effettuato una perlustrazione in piazza Dante e nelle aree limitrofe, i poliziotti hanno rinvenuto la borsetta rubata, abbandonata in un parcheggio, mentre dell’uomo, sul momento, sembrava non esservi traccia. Poco dopo, invece, anche l’uomo è stato individuato e quindi fermato, peraltro mentre era intento a nascondersi nel ripostiglio di un giardino di una privata abitazione.

Il tunisino senza permesso di soggiorno, con precedenti per reati contro il patrimonio e la persona, è stato denunciato per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale e, dopo la notifica dell’ordinanza di custodia cautelare, è stato condotto al carcere delle Sughere.

Foto del profilo di Redazione

About Redazione,