Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

20 Gennaio 2021

Saranno tre e non due le borse di studio del Premio scientifico Massimo Ceccarini


Livorno, 22 giugno – Un piccolo sforzo, vista la bontà dei lavori pervenuti, e il settimo Premio scientifico Massimo Ceccarini, che sarà assegnato lunedì prossimo, 25 giugno, si arricchisce ancora. E le borse di studio, invece di due come inizialmente previsto, saranno tre, tutte destinate a giovani medici autori di studi o lavori in ambito dermatologico.

Scopo del Premio scientifico intitolato a Massimo Ceccarini, primario di Dermatologia dell’Ospedale di Livorno scomparso nel gennaio 2011 a soli 53 anni, è valorizzare giovani eccellenze mediche in campo dermatologico. Il Premio, organizzato dall’omonima Associazione culturale e scientifica, premierà quest’anno tre medici, uno con una borsa di studio di 1000 euro e due con assegni d’onore di 500 euro ciascuno, per un totale di 2000 euro. I vincitori sono già stati individuati. Si tratta di due donne e un uomo. Provengono da Livorno, Pisa e Mantova. A chi di questi tre è stata attribuita la borsa di studio, ed a chi invece gli assegni d’onore, però, sarà svelato solo in occasione della cerimonia di premiazione.

“Quello che conta è che saranno premiati dei giovani medici che hanno svolto lavori o studi di ottimo livello su temi inerenti la Dermatologia”, spiega Marco Ceccarini, presidente dell’Associazione scientifica e fratello del primario prematuramente scomparso. “Si tratta di due ragazze e di un ragazzo. Due sono toscani e una invece è lombarda, a dimostrazione del respiro ormai nazionale che ha assunto il Premio scientifico”. E ancora: “Con un piccolo sforzo, vista la qualità dei lavori pervenuti, abbiamo deciso di gratificare tre giovani medici, tutti meritevoli, invece dei due inizialmente previsti dal bando”.

Il Premio valorizza lavori scientifici elaborati in Italia, purché attinenti la Dermatologia, da cittadini italiani o dell’Unione Europea, se residenti in Italia e laureati in Medicina e chirurgia in un ateneo italiano. Lo scorso anno ad aggiudicarsi il Premio scientifico fu la giovane dottoressa Roberta Iozzo di Livorno (nella foto).

Nelle sei edizioni finora svolte, dal 2012 al 2017, l’Associazione culturale e scientifica Massimo Ceccarini, tramite il Premio scientifico, ha attribuito nove assegni di studio per 7200 euro complessivi, tutti a carico dell’Associazione attraverso le quote dei soci e donazioni della famiglia di origine del dermatologo. Quest’anno, tuttavia, l’Associazione ha potuto contare su una donazione di 800 euro effettuata dai due Rotary cittadini, 400 euro per ciascun Club, che hanno in questo modo aiutato a qualificare e far crescere il Premio scientifico.

Il Premio intitolato a Massimo Ceccarini ha il gratuito patrocinio di Regione Toscana, Comune di Livorno, Provincia di Livorno e dell’Usl Toscana Nordovest. Ed è stato organizzato, come detto, grazie alla collaborazione dei Rotary Club Livorno e Livorno Mascagni.

La cerimonia di premiazione, presieduta da Marco Ceccarini, prevede i saluti dell’assessore regionale alla Formazione ed istruzione Cristina Grieco, dell’assessore comunale alla Cultura Francesco Belaise, del consigliere provinciale delegato alla Sicurezza Yari De Filicaia e della direttrice generale dell’Usl Toscana Nordovest Maria Teresa De Lauretis. Sono inoltre previsti gli interventi dei presidenti Giorgio Odello e Marco Macchia del Rotary Club Livorno e del Rotary Club Livorno Mascagni. La prolusione sarà a cura del docente emerito di Dermatologia dell’Università di Pisa Gregorio Cervadoro.

La cerimonia si svolgerà lunedì 25 giugno, a partire dalle ore 10, presso la Sala conferenze del Museo di Storia naturale del Mediterraneo di Livorno, concesso dalla Provincia di Livorno. Al termine della manifestazione sarà offerto un aperitivo. Negli ultimi tre anni il Premio è sempre stato svolto al Museo di Storia naturale, definita “sede ideale”, e sempre il 25 giugno, giorno in cui ricorre l’anniversario della nascita del primario e docente universitario. Non va dimenticato, infatti, che Massimo Ceccarini insegnò al corso di laurea in Scienze infermieristiche a Pisa. A lui è tra l’altro intitolata l’Aula magna dell’Ospedale di Livorno.

“La data non è stata scelta a caso e tanto più quest’anno”, conclude Marco Ceccarini. “Quel giorno, infatti, mio fratello avrebbe compiuto 60 anni. Un Premio ben organizzato e votato alla valorizzazione di giovani medici meritevoli, credo, è il miglior modo per ricordarlo”.

Chi vuole rinnovare la quota associativa o desidera entrare a far parte dell’Associazione culturale e scientifica Massimo Ceccarini, oppure vuole semplicemente sostenere con un contributo o una donazione l’Associazione, può effettuare il proprio versamento sul conto corrente bancario UNICREDIT n. 000104802265 intestato ad Associazione Massimo Ceccarini, oppure on line, codice Iban IT 95 Y 02 008 13918 000 1048 02265 specificando nella causale il tipo di scelta effettuata.
Quota socio sostenitore, 50 euro
Quota socio ordinario, 25 euro
Contributi e donazioni, libera erogazione.