Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

8 Dicembre 2022

Il Red Carpet di Venezia 2022 (foto fornita da Nesti)

Venezia entra nel vivo, sul Red Carpet le stelle del cinema


(Donatella Nesti) Venezia, 4 settembre 2022 – Al momento di presentare La 79à Mostra del Cinema di Venezia il direttore artistico Alberto Barbera aveva espresso parole inquietanti sul futuro del cinema ”La consueta domanda – che riaffiora ad ogni rinnovato appuntamento festivaliero – su dove stia andando il cinema, non trova questa volta risposte semplici né scontate” aveva esordito Barbera. “Non sembra in grado di dare responsi l’industria del cinema, lacerata al proprio interno da soggetti contrapposti e perlopiù arroccati su posizioni di difesa corporativistiche. Non ne vengono a capo neppure i critici, non incerti tra apocalittici e integrati come si diceva un tempo, ma fra scettici delusi e ottimisti ad oltranza sul futuro di un’arte in troppo rapida trasformazione.

Sembrano poco interessati a cercare una risposta anche gli artisti, preoccupati soprattutto di intercettare le tante risorse economiche da far impallidire persino il ricordo dell’epoca d’oro del cinema, per cimentarsi nella realizzazione di quanti più film possibile. A scapito, spesso, della qualità che non può non risentire della fretta, dell’accorciamento dei tempi di ripresa e produzione, del mancato sviluppo di sceneggiature che avrebbero bisogno di molta più cura per risultare adeguate e soddisfacenti. Ma il tempo incalza, le piattaforme premono per nuovi contenuti…”.

Ma queste preoccupate parole dopo gli anni sofferti della pandemia, hanno in realtà favorito il ritorno delle star internazionali, il red carpet affollato di fans come anni fa, il glamour, l’eleganza delle signore sembra abbiano riportato l’attenzione sull’intramontabile fascino del cinema sul grande schermo e sulla presenza carismatica degli amati interpreti, davvero una pioggia di stelle: Cate Blanchett e Catherine Deneuve (Leone d’Oro alla carriera) Timothée Chalamet e Shia LeBoeuf, Isabelle Huppert e Penelope Cruz, Colin Farrell e Florence Pugh) Anthony Hopkins e Monica Bellucci, Ana de Armas (ultima Bond Girl e ultimissima Marilyn Monroe), Tilda Swinton e Hugh Jackman, Javier Bardem e Vanessa Kirby e la madrina che quest’anno è Rocio Munoz Morales, partner in cinema e nella vita di Raoul Bova. Sono ben 5 i film italiani in concorso, Gianni Amelio con “Il signore delle formiche” sul processo per plagio subito da Aldo Braibanti, Emanuele Crialese con l’autobiografico “L’immensità”(con Penelope Cruz), Susanna Nicchiarelli con “Chiara”, cioè santa Chiara, finalmente protagonista, a cui si aggiungono i due film girati ne- gli Usa da Andrea Pallaoro (“Monica”) e Luca Guadagnino (“Bones and All”) Quest’ultimo ha visto la presenza sul red carpet del giovane Timothée Chalamet acclamato dalla giovani ammiratrici. Ma le sezioni parallele non sono da meno. Orizzonti schiera fra gli altri “Ti mangio il cuore” di Pippo Mezzapesa, debutto al cinema di Elodie, e “Princess” di Roberto De Paolis, racconto di formazione sperimentale scritto e girato con alcune prostitute nigeriane che interpretano se stesse.

Nelle ’giornate degli autori’ ci sono le scatenate protagoniste di “Las Leonas”, documentario di Isabel Achaval e Chiara Bondì prodotto da Nanni Moretti. Un gruppo di badanti e domestiche immigrate da diversi continenti, unite dalla passione per il calcio, che con i loro racconti finiscono per disegnare un’immagine insolita, del nostro Paese. Nel film ci sono latinoamericane ma anche cinesi, marocchine, capoverdiane, moldave, italiane.

Tags: ,