Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

18 Aprile 2021

L'istituto Cerboni di Portoferraio (foto d'archivio)

Al via un monitoraggio anti covid nelle scuole di Portoferraio, ad annunciarlo il sindaco Zini


(Stefano Bramanti) Portoferraio, 11 gennaio 2021 – In costruzione un nuovo ampio monitoraggio anti covid-19 e questa volta destinato alle scuole di Portoferraio. Il progetto lo ha annunciato il sindaco di Portoferraio, Angelo Zini, dopo gli oltre 300 tamponi fatti negli ultimi giorni sull’isola; un’azione potente con intese tra enti locali pubblici e l’apparto sanitario e quindi adesso si sta progettando pure l’indagine nelle scuole del “capoluogo” elbano per la tutela dei settore e delle famiglie. Si evolve quindi il grande impegno di medici, infermieri, un importante opera favorita anche dalle verifiche di massa realizzate nella zona campese e specificamente sampierese, dove si temeva la nascita di un potente focolaio. Un impegno coordinato a livello regionale, dopo che i sette sindaci avevano scritto al presidente Gianni, preoccupati della possibile esplosione di un “caso Elba”. Poi la preoccupazione pare rientrata visto che sono risultati negativi al Covid i controlli a largo raggio, che hanno visto una ampia partecipazione della gente campese, con centinaia di tamponi attuati. E sulla scia di quella azione a tappeto, si pensa di passare ora ad analizzare il mondo della scuola, grazie ad intese tra la ASL isolana diretta da Fabio Chetoni, responsabile della Zona distretto dell’Elba e Angelo Zini sindaco di Portoferraio e presidente della Conferenza dei sindaci dei Comuni elbani per la sanità.  “Certo – informa Zini- stiamo avendo contatti serrati con l’azienda sanitaria locale elbana, col dr. Chetoni e il dr. Luigi Genghi, responsabile anche dell’ufficio di igiene, per definire ogni dettaglio di questo piano. Dopo l’intervento avviato dalla regione chiamato “Territori sicuri” , nel campese, passiamo a questo altro piano “Scuola sicura” al fine di gestire questo monitoraggio ulteriore nell’ambiente scolastico. Non si tratta di uno screening in vista di questo nuovo momento di attività in presenza, che è già partito e per le superiori si realizzerà da oggi, 11 gennaio, sarà un’indagine programmata con le intese del caso, al fine di garantire la maggiore sicurezza nella popolazione più giovane e nel personale scolastico e quindi di riflesso nelle famiglie. Faremo tutto ciò con modalità che stiamo definendo, con test rapidi, cominciando dai ragazzi delle elementari in questa nostra città e poi proseguiremo alle medie fino arrivare alle superiori. All’indagine sanitaria si aderirà in modo volontario e gratuito e potrebbe avvenire nelle scuole stesse”. Sale quindi l’azione, già importante del mondo sanitario e dei volontariato e non a caso per il trentennale del Premio Città di Portoferraio, una edizione speciale di rilancio dell’iniziativa al momento solo in modo “virtuale”. è stato assegnato il riconoscimento a tale settore sanitario e del mondo del volontariato.

Tags: ,