Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

26 Settembre 2020

Un reparto di terapia intensiva (foto libera da diritti tratta da Commons Wikimedia)

Coronavirus, due deceduti e venti nuovi casi nelle zone della vecchia Usl


(Angela Simini) Livorno, 12 aprile 2020 – Oggi, domenica 12 aprile, la Pasqua. I bollettini della Protezione civile, trasmessi da Rainews 24 e comprendenti i dati di tutta la nazione, gli aggiornamenti di Toscana Notizie concernenti la Regione Toscana e l’azienda Toscana Nordovest, hanno diramato migliori notizie del solito, anche se nel territorio provinciale di Livorno e negli immediati dintorni la situazione rimane critica.

Nell’area della ex Usl sei, purtroppo, oggi si registrano due nuovi decessi, entrambi a carico di uomini ultra-ottantenni, a Livorno e Rosignano Marittimo. I nuovi positivi al coronavirus Covid-19, secondo l’azienda Usl, sono venti nel territorio della ex Usl 6. Toscana Notizie, invece, ne comunica diciannove, oltre ai due decessi. Quest’ultimi, nel complesso, fa salire a trenta il numero delle vittime nella ex Usl 6, dei quali ventisette in provincia e ben diciotto, tra questi, nella sola città di Livorno.

“In sensibile calo i decessi”, ha dichiarato Angelo Borrelli, capo della Protezione civile. “Oggi 431 (ieri 619, ndr), in calo anche il totale dei contagi, 4092, meno 602 rispetto a ieri, 38 i ricoveri in terapia intensiva, meno 297 i ricoveri con sintomi, mentre 71063 sono i contagiati con sintomi lievi o senza sintomi, cioè il 69 per cento del totale. Sono questi i dati migliori dall’inizio dell’emergenza”.

Borrelli ha disposto provvedimenti per i soccorsi in mare agli emigranti, quando occorre, perché siano fatti rispettare quarantena ed isolamento anche in questi casi.

Luca Richeldi, pneumologo dell’ospedale Gemelli di Roma, ha messo in relazione l’aumento dei contagi con l’aumento dei tamponi,che si fanno in grande quantità, quindi ha osservato che “gli attuali dati del coronavirus Covid-19 sono i migliori nelle ultime due settimane”.

Vediamo adesso i dati toscani attraverso il bollettino dell’agenzia regionale Toscana Notizie e quelli locali a cura dell’azienda Usl Toscana Nordovest.

La Usl Toscana Nordovest ricorda ancora che il flusso di validazione dei tamponi è continuo e che gli orari di estrazione dei dati delle persone risultate positive al test dai laboratori, da parte della Regione e dell’azienda Usl Toscana Nordovest, sono vicini (a metà giornata, ndr) ma non sempre sovrapponibili. Inoltre, con la sua statistica, l’azienda sanitaria lavora sulla residenza delle persone ed incrocia vari dati legati ai pazienti mentre l’informazione in possesso della Regione fa riferimento alla provincia di segnalazione. Da qui la presenza di alcune piccole discrepanze tra il report regionale e quello aziendale, che vengono però riassorbite nel lungo periodo.

Nell’area vasta dell’azienda Usl Toscana Nordovest, oggi, si sono registrati 117 nuovi casi positivi, così suddivisi per quanto riguarda l’area della ex Usl 6, dove si sono verificati due decessi e venti nuovi casi di positività.
Le persone decedute sono due uomini, uno di Livorno, l’altro di Rosignano, rispettivamente di 84 e di 86 anni.

Nella zona sanitaria Livornese, 14 sono i nuovi casi, nove a Livorno, cinque a Collesalvetti. Cinque sono invece le nuove positività registrate nei territori delle Valli Etrusche, concernenti la Val di Cecina e la Val di Cornia, dei quali tre a Rosignano, uno a Cecina e uno a Piombino. Un nuovo caso, inoltre, si è verificato anche all’isola d’Elba.

In Toscana, secondo quanto diramato dall’agenzia Toscana Notizie, aumentano notevolmente le guarigioni. Oggi se ne registrano 578, più 79 rispetto a ieri. Calano al contempo i ricoveri nei posti letto dedicati al Covid-19. Oggi sono 1221, più 13 rispetto a ieri, di cui 238 in terapia intensiva, un caso in più rispetto a ieri. Questo è il dato più basso a partire dal 24 marzo scorso.

I nuovi decessi, invece, sono 28 in Toscana. Un dato, questo, che continua a collocarsi, in termini di mortalità, al di sotto della media italiana.