Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

21 Gennaio 2022

Un primo piano di Lorenzo Parigi (foto d'archivio)

E’ scomparso Lorenzo Parigi, storico docente dell’Istituto musicale Mascagni


(Angela Simini) Livorno, 22 gennaio 2021 – Sconcerto e sconforto ha creato la notizia della improvvisa scomparsa del maestro Lorenzo Parigi, avvenuta il 21 gennaio sera, investito da un’auto mentre attraversava la Piazza Berlinguer a Calenzano. Un grave lutto ha colpito il panorama musicale livornese, ma soprattutto il Conservatorio Musicale Mascagni dove il M° per circa trent’anni, dal 1975 al 2004, ha ricoperto la cattedra di “Teoria e solfeggio”, poi trasformata in “Classe di Esercitazioni orchestrali”. Nella piena convinzione che gli allievi debbano esercitarsi fin da giovani a misurarsi col pubblico, ha fondato l’Orchestra Giovanile dell’Istituto nella quale ha incluso anche professori ormai affermati dell’ORT Orchestra della Regione Toscana, per promuoverne la crescita e la maturazione, secondo la didattica moderna. Sotto la sua guida, l’Orchestra ha partecipato ad importanti eventi livornesi come la riscoperta e valorizzazione dei musicisti livornesi, vedi Ranieri De’ Calzabigi, si è esibita nelle stagioni concertistiche e liriche livornesi, riscuotendo applausi e consensi, ha celebrato un concerto in Duomo in ricordo del Maestro Massimo De Bernart, grande direttore delle nostre stagioni liriche dagli anni ’90 fino al 2004. Parigi lega il suo nome anche a due momenti importanti della vita livornese e dell’Istituto Mascagni: la visita nella nostra città del Presidente Sandro Pertini nel 1981 e nel 1982 quella del Papa Giovanni Paolo II, quando il M° diresse l’orchestra e il coro dell’Istituto in un omaggio musicale dedicato ai due personaggi. “Entusiasta della musica e dell’insegnamento”, come lo definisce il collega Ilio Barontini, celebre pianista livornese, Parigi non si è risparmiato nel suo intento di valorizzare il Mascagni, per facilitarne il passaggio da Istituto parificato a Conservatorio.

Musicista di talento, si è avvalso di una solida preparazione: dopo lo studio del pianoforte, si è dedicato alla composizione e direzione d’orchestra nei conservatori di Firenze, Bologna e Torino. Nel 1977 aveva vinto una borsa di studio dell’Accademia Chigiana di Siena , si è perfezionato in direzione d’orchestra a Vienna ed a Hilversum in Olanda. Ospite di importanti orchestre italiane, tra cui degli enti lirici di Trieste, Verona, Genova e Cagliari, ha più volte collaborato con l’O.R.T. Nel 1992 ha diretto a Praga lo “Stabat Mater” di Rossini in occasione del bicentenario della nascita del musicista pesarese e si è fatto onore anche all’estero: in Inghilterra, in Germania ed in Svizzera. In prima assoluta ha diretto spettacoli di balletto con Carla Fracci. Oltre al talento, quello che ha sempre colpito di lui e che gli ha valso grande simpatia e stima tra gli allievi, la città e le sue istituzioni sono state la determinazione e la severità unite ad un modo brusco, ma comunque pieno di empatia e di spirito ironico. Il M° Renato Meucci, attuale Direttore del Mascagni, ha commentato la figura di Parigi: “Pur non avendo avuto l’occasione di collaborare direttamente con lui, la sua figura “storica”, il cui ricordo è tuttora vivo nei colleghi e nei giovani che sono stati suoi studenti, mi è ben presente e desidero rappresentare in questo frangente il cordoglio e il dolore di tutto il Mascagni per questa perdita insanabile”. Tra i ricordi più belli citiamo quello del pianista Ilio Barontini: “ Un collega indimenticabile ! In sua compagnia il tempo volava, anche in sede di esami, quando con le sue uscite metteva a proprio agio gli allievi e divertiva i colleghi: lavorava con serietà e stemperava la tensione. Da lui sono stato diretto in occasione di un concerto in cui si eseguivano le composizioni del Maestro Luigi Orlando per pianoforte e orchestra: ne ho un ricordo eccezionale!” ed aggiunge che da stamani la sua WhatsApp è letteralmente invasa dalle testimonianze di cordoglio degli allievi di Parigi. Anche la violinista Renata Sfriso ricorda “ Ha portato l’orchestra a suonare in Inghilterra e, sfoderando la grinta si faceva obbedire, ma univa il tutto ad uno spirito ironico e umoristico che gli valeva l’affetto incondizionato degli allievi”.

Tags: , , ,