Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

27 Gennaio 2021

Gli Usa lasciano alcune aree di Camp Darby, in arrivo le forze speciali italiane


Livorno, 24 febbraio 2019 – Saranno le forze speciali dell’esercito italiano ad occupare gli spazi di Camp Darby che l’esercito statunitense restituirà al demanio militare. Secondo quanto si apprende, difatti, sarebbe stata raggiunta un’intesa tra la Us Army Europe, il comando europeo delle forze armate degli Stati Unti, e il ministero della difesa di Roma per il futuro utilizzo della cosiddetta “zona ricreativa” da parte dell’Italia, che ad ottobre vi dovrebbe trasferire il Comfose, comando delle forze speciali, attualmente ospitato nella caserma Gamerra di Pisa.

Alcune centinaia di uomini in forza al Comfose, dunque, prenderanno possesso dei circa 34 ettari di territorio della base militare tra Livorno e Pisa della Us Army Europe. L’obiettivo è quello di incrementare la presenza italiana al “confine” con la base statunitense, delineato a partire dal 2015 con l’installazione di una lunga recinzione metallica e con una serie di cancelli, la cui chiusura segnerà la nuova delimitazione dell’area militare degli Usa.

Quello in programma, a quasi settant’anni dall’insediamento delle forze armate statunitensi su quasi mille ettari di territorio tra Pisa e Livorno, si preannuncia come uno storico passaggio. Si concretizzerà a partire dal prossimo mese di luglio, quando i militari degli Stati Uniti e le centinaia di civili italiani che vi lavorano dovranno liberare le decine di strutture che compongono la cosiddetta area ricreativa di Camp Darby, la base Leghorn, cioè di Livorno, come veniva chiamata negli anni Cinquanta la struttura militare nordamericana.

Le strutture saranno gestite, a partire dal prossimo ottobre, dal comando delle forze speciali italiane, comando che si occupa di gestire le varie unità di forze speciali dell’esercito e che supporta le operazioni non ordinarie delle forze armate italiane.