Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

28 Settembre 2021

La chiesa di San Ferdinando a Livorno (foto d'archivio)

Il Rotary Livorno pronto al recupero della chiesa di San Ferdinando


(Marco Ceccarini) Livorno, 9 luglio 2021 – La chiesa di San Ferdinando, detta comunemente Crocetta, è uno dei più interessanti luoghi di culto della città di Livorno da un punto di vista storico ed artistico. Incastonata nel quartiere della Venezia, a lato della piazza del Luogo Pio, rappresenta un esempio di architettura barocca del primo Settecento. Opera di Giovan Battista Foggini e Giovanni Del Fantasia, si erge nel cuore della Venezia da oltre quattro secoli.

La chiesa di San Ferdinando, con le sue preziose statue, sarà al centro di un progetto finanziato dal Rotary club Livorno. Il progetto di restauro è stato presentato ieri sera, giovedì 8 luglio, nel corso della conviviale che il club presieduto dal magistrato Luigi De Franco ha svolto allo Yacht club livornese proprio sulla chiesa di Crocetta. Ospite della serata, l’architetto Luciano De Nigris, docente universitario a Roma ed esperto di arte del Cinque e Seicento, da tempo impegnato su San Ferdinando.

“Nostro intento è anche fornire alla città di Livorno occasioni concrete di recupero e restauro delle proprie opere architettoniche e dei propri beni monumentali”, ha affermato De Franco che ha evidenziato l’interesse del Rotary ad impegnarsi sull’arte e sulla cultura.

“Sono felice di aver potuto esporre i contenuti di un progetto e soprattutto la grandezza artistica di questa chiesa attraverso il video che abbiamo proiettato”, ha detto da parte sua De Nigris, che ha mostrato un filmato sulla storia e l’importanza artistica di San Ferdinando. Inoltre De Nigris, soddisfatto per l’attenzione che il maggiore club di service cittadino ha dedicato e sta dedicando a San Ferdinando, ha sottolineato come in Toscana, quando si parla di barocco, si debba necessariamente parlare di Livorno. A Crocetta, tra le molte opere, vi è custodito anche il famoso gruppo scultoreo degli Schiavi liberati di Giovanni Baratta.

Tags: ,