Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

27 Novembre 2020

Settembre mese dei festival…dei bambini


(Ruggero Morelli) Livorno, 7 settembre. Settembre è il tempo dei festival. Oggi inizia quello internazionale della robotica a Pisa, si è da poco concluso quello sul Ticino ad Arzo per la narrazione, a Sarzana ci sarà il festival della mente, a Camogli della comunicazione e a Mantova quello della letteratura. A fine settembre Livorno vedrà il terzo festival del ridicolo.
Franco Lorenzoni ci sottolinea il valore della narrazione orale perché i festival hanno la caratteristica di invitare a ritrovarsi per ascoltare qualcuno che racconta. Infatti eravamo in molti quando Maurizio Bettini ci raccontò di come i greci ridevano degli dei.
Quest’anno Mantova ‘’dedica la casa del Mantegna ai bambini ed i curatori hanno ritenuto che il teatro sia il miglior linguaggio per coinvolgere i bambini dai 4 anni in su quando incontrano la buona letteratura e possono diventare lettoristraordinari.’’
La casa del Mantegna diventa un museo-spazio-laboratorio a più piani dove arriveranno gli autori, molti, da ogni nazione, e racconteranno storie aiutandosi con immagini
Anche il nostro festival livornese avrà due occasioni per i bambini.
Laboratori a cura di Giulia Addazi. Si possono disegnare le parole? E scrivere i disegni? E immaginare le parole? E allora perché non parolare le immagini? La parola fiore F-I-O-R-E è scritta per tutti con le stesse cinque lettere. Ma quanti petali ha questo fiore per ognuno di noi? Disegnare con le lettere e scrivere con i disegni è l’obiettivo di questi laboratori, ispirati al lavoro di Alighiero Boetti e al volume Il gioco dell’arte di sua figlia Agata.
Sala degli Archi in Fortezza Nuova: sabato 23 settembre dalle 10 alle 15. Domenica 24 settembre dalle ore 10. Ingresso 3 euro.
Il gioco dell’A…rte. Se sono mancino ma uso la matita con la destra, che faccio, scrivo o disegno? Forse, dopotutto, la risposta non è così importante: «D è una vela», «H è un ponte» diceva Alighiero Boetti, un signore che ha passato la vita a giocare con le parole, con i disegni e con i disegni delle parole. Grazie ai suoi giochi, scopriremo un modo nuovo di guardare le parole e le immagini: fuori dallo spazio e fuori dal tempo. Posti disponibili per ciascun laboratorio 30. Laboratori per bambini dai 6 ai 10 anni
Sala degli Archi in Fortezza Nuova: sabato 23 settembre alle ore 17. Domenica 24 alle ore 11,30.
Siamo nel tempo delle lunghe immersioni dentro ipad e cellulari dei nostri figli e nipoti.
Immagino che tutti abbiamo difficoltà a farci ascoltare se raccontiamo storie oppure a leggere con loro i classici che ci hanno accompagnato come Robin, Tom Sawyer, Sandokan e Phogg. Cito infine la proposta di Lorenzoni sempre sul tema. “Sperimentare una inversione di tendenza e di ruoli tra grandi e piccoli. Chiedere ai relatori di parlare ai ragazzi cercando le parole adatte perché possano avvicinarsi ad argomenti complessi usando una lingua capace di essere chiara e decifrabile senza scadere nelle semplificazioni imperanti. Sarebbe un buon esercizio di democrazia”. ruggeromorelli@libero.it