Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

18 Luglio 2024

Un'immagine di Las Leonas (foto fornita da Nesti)

Tornano gli Amici del Cinema ai Quattro Mori, si comincia il 2 novembre con Las Leonas


(Donatella Nesti) Livorno, 29 ottobre 2022 – Riprendono al Cinema 4 Mori le giornate dedicate al cinema di qualità, il mercoledì degli Amici del Cinema con il supporto del Comune di Livorno e con la collaborazione di Associazioni culturali. Si comincia il 2 novembre con il film’ Las leonas’ presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Giornate degli Autori e giudicato uno dei migliori film italiani. È un docufilm diretto da Chiara Bondì e Isabel Achaval, italiana e argentina, ed è prodotto dalla Sacher Film di Nanni Moretti in collaborazione con RaiCinema. La giornata , in collaborazione con Il ‘Centro Donna-Ippogrifo’ e ‘Capire un’H’, è programmata al cinema 4 Mori alle 17.30 ed alle 21.30

Un gruppo di donne immigrate legate dalla passione per il calcio. Lavorano a Roma come badanti, tate, donne delle pulizie. Hanno una passione in comune, il gioco del calcio. La domenica si ritrovano tutte su un campo di calcio romano e si sfidano in un vero e proprio torneo di calcio a otto, ‘Las Leonas’. Insieme alla passione per il pallone Chiara Bondì e Isabel Achával ci raccontano anche la vita privata, le speranze e lo sguardo sul mondo di queste giovani donne. Questo documentario racconta la storia di tante donne immigrate in Italia e che prestano servizio ad altre persone attraverso lavori umili come fare da badanti e da colf. Protagoniste di questo film sono le peruviane Bea e Melissa, la moldava Ana, l’ecuadoregna Elvira, la capoverdiana Vania e la marocchina Siham, tutte impiegate a Roma. Tutte loro hanno però una passione in comune: quella per il calcio. Nel tempo libero, infatti, l’unico loro svago è quello per il pallone, tanto da allenarsi insieme e creare una squadra. Il loro obiettivo è vincere il torneo “Las Leonas”, nel quale giocano team provenienti da Paesi di tutto il mondo. Attraverso lo sport, tutte loro possono integrarsi più agevolmente nel tessuto sociale e sperimentare il gioco di squadra, inteso in senso più ampio, ovvero come sostegno reciproco pur nelle comuni difficoltà quotidiane.

Moretti, produttore e amico delle due registe, compare in due scene: dà i premi alle squadre, a fine torneo, e si occupa dell’acquisto delle coppe. Quest’ultima è una scena girata in un negozio che vende esclusivamente trofei: Nanni esamina le varie coppe assieme alle organizzatrici e quando scelgono per la squadra vincitrice una coppa “bagnata in argento” commenta: “Però, una bella spesetta!”. Ma alla fine si presta volentieri. Un film che regala 80 minuti di speranza.

Tags: , ,