Vai a…

Costa Ovestsu Google+Costa Ovest on YouTubeCosta Ovest on LinkedInCosta Ovest on TumblrRSS Feed

5 Dicembre 2021

Una pantera della Polizia di Stato (foto d'archivio)

Tunisino tenta un furto da Decathlon, si fa scoprire e viene arrestato


Livorno, 25 febbraio 2021 – Nel pomeriggio di ieri, mercoledì 24 febbraio, gli agenti di alcune volanti della Questura di Livorno hanno arrestato un tunisino di 47 anni per tentato furto aggravato ai danni del negozio Decathlon di Livorno.

Il fatto è accaduto al punto vendita di via Beccaria, dove il personale del negozio, poco prima, aveva fermato un uomo che aveva tentato un furto. L’uomo, poi identificato nel cittadino tunisino tratto in arresto, era entrato all’interno dei camerini di prova con un numero di capi superiore a quelli consentiti. Un dirigente del punto vendita, portatosi nei pressi dei camerini di prova, aveva però verificato che per terra vi erano numerosi capi di vestiario e all’interno di un camerino, come si legge in una nota stampa della Questura, vi era un uomo che con un italiano stentato gli chiedeva cosa volesse. Il capo negozio, una volta spiegato che all’interno dei camerini si potevano portare al massimo tre capi, ha visto uscire l’uomo con un carrello usato per gli acquisiti coperto da un giaccone notando che questi si è poi fermato nei pressi di una borsa in tela blu in vendita nel negozio all’interno della quale, dopo aver spostato il suo giubbotto, ha iniziato a mettere la merce con etichette tagliate che aveva all’interno del carrello. A quel punto, visto che si stava operando un furto, i dirigenti del negozio hanno chiamato la Polizia facendo prontamente intervenire la sicurezza del negozio, che ha fermato il ladro in attesa dell’arrivo della pattuglia della Polizia. La merce per un valore di 545,82 euro è risultava danneggiata, quindi non rivendibile, in quanto ai capi erano state state tagliate le etichette.

L’uomo, accompagnato in Questura, è stato identificato, come detto, in G. J., 47 anni, proveniente dalla Tunisia. Sottoposto a perquisizione personale, il tunisino è trovato in possesso di una lametta d’acciaio affilata della lunghezza 4 centimetri e mezzo, con punta acuminata, presumibilmente utilizzata per tagliare le etichette della merce.

Tags: , ,